Giovani: l’esperienza di Acquara e Pastena, “incontenibile”

“Ci siamo! Stasera celebrazione eucaristica alle ore 18 e dopo parliamo con i ragazzi del nostro progetto!…”
 
È iniziato così un cammino lungo un mese che ha coinvolto ragazzi e animatori di Aquara e Pastena. Un cammino ricco di gioia, entusiasmo che ci ha tenuti impegnati in ogni momento del giorno, ancorati alla certezza che a Dio nulla è impossibile.
 
Quando dei cuori toccati da Dio s’incontrano si riconoscono.
 
Se l’hai incontrato e l’hai accettato non puoi tacere: senti il desiderio di parlarne.
 
Gesù ti riempie così tanto la vita e la rende così profondamente gioiosa da far nascere in te quel desiderio o meglio quella necessità di parlare continuamente di Lui, a tutti coloro che incontri, in maniera positiva, con entusiasmo, con gioia.
 
Così ha avuto inizio questo progetto, con il desiderio di mostrare agli altri ciò che abbiamo nel cuore, quella gioia smisurata di appartenere a Cristo. Noi crediamo che l’Amore si diffonde per contagio, e ne abbiamo avuto la prova!
 
Un’idea che a primo impatto sembrava folle si è trasformata in una splendida comunione.
 
In questa avventura ognuno di noi ha messo a disposizione i propri talenti, scoprendoci capaci di fare cose che non avremmo mai pensato di poter fare. C’è chi ha ballato, cantato, scritto una canzone (preghiera), truccato, chi si è cimentato nelle riprese e nei montaggi, chi ci ha offerto il proprio lavoro gratuitamente per registrare la canzone, chi con mezzi di fortuna ha realizzato il necessario per le riprese serali, chi si è trovato per caso coinvolto mettendosi alla prova in balli improvvisati, tutto questo mosso da un forte spirito di collaborazione e con l’unico intento di lodare il Signore e mostrare agli altri ciò che Lui ha compiuto nella nostra vita .
 
Ci siamo divertiti tantissimo dando modo a tanti, ma prima a noi stessi, di capire che la preghiera è un modo genuino e spontaneo di accostarci al Signore
 
Pregare tante volte è visto come una noiosa perdita di tempo, si pensa che la fede vada vissuta solo all’interno di quell’ora settimanale della Messa domenicale ed il resto della vita segua un corso diverso, ma non è così.
 
Abbiamo trasmesso ai ragazzi e a tutti quelli che hanno partecipato, a coloro che ci hanno visti impegnati per un mese intero, che seguire Dio è Gioia.

 

Gli Animatori di Acquara